LA RICETTA PER UNA BUONA COMUNICAZIONE DIGITALE | PASA Media
41590
post-template-default,single,single-post,postid-41590,single-format-standard,cabin-core-1.0.1,select-theme-ver-3.1.2,ajax_fade,page_not_loaded,,smooth_scroll,fade_push_text_right,transparent_content,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.1,vc_responsive
 

LA RICETTA PER UNA BUONA COMUNICAZIONE DIGITALE

Se il timbro è la pelle della voce, il tono è la sua carne emozionata.  Ed è proprio dalle emozioni che un testo aziendale deve trovare la sua forma, la sua “pelle”. Nella comunicazione digitale la forma però è anche sostanza, e il modo con cui ti esprimi vale quasi quanto quello che dici.

 

Ciò significa che il tone of voice della tua presenza online rappresenta un asset di valore sul quale devi puntare per diventare un punto di riferimento autorevole per il tuo target.


In una realtà sempre in movimento e in continua evoluzione, ciò che fa la differenza è un brand emozionale, capace di togliersi i panni dell’azienda per indossare quelli del consumatore. La comunicazione empatica, quella che risveglia la componente affettivo-emozionale nel lettore, è quindi indispensabile se vogliamo consolidare non soltanto l’esperienza di marca ma i suoi processi nella memoria del consumatore.

 

Ma per dare il giusto sapore al nostro “piatto” dobbiamo usare ingredienti di qualità e seguire la ricetta alla lettera, noi vi mostriamo la nostra.


INGREDIENTI:

 

  • Onestà in abbondanza
  • Passione e personalità q.b.  
  • Una buona dose di emozione.

É arrivato il momento di “mischiare” il tutto e inserire il nostro ingrediente segreto per la ricetta di una comunicazione efficace: il tone of voice.

Ma qual è quindi il giusto modo di comunicare? Beh, non c’è una regola, ma uno dei toni più interessanti e accattivanti è quello definito onirico. Nello stile onirico le parole utilizzate richiamano i sensi; è un tone of voice che esplora gli universi semantici creando contenuti che connettono significati e concetti in maniera creativa e persistente.

 

Testi scritti dunque con questa tipologia di toni “caldi” riescono a mettere al centro dell’attenzione il lettore e le sue emozioni, non più l’azienda, dando una percezione della vicinanza tra brand e consumatore.

 

Ma non dimentichiamoci di servire il nostro piatto, e ricordate, anche le parole scritte hanno il loro tono di voce, basso, alto, deciso, morbido. Che sta negli occhi di chi le legge, e che poi vi sceglie!

 

Pronti a scrivere?

Valeria Morici
[email protected]

Social Media Manager, amante del cibo, solare come una giornata d'estate.