Burger King vs McDonald's: la "guerrilla" dei fast food | PASA Media
42099
post-template-default,single,single-post,postid-42099,single-format-standard,cabin-core-1.0.1,select-theme-ver-3.1.2,ajax_fade,page_not_loaded,,smooth_scroll,fade_push_text_right,transparent_content,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.1,vc_responsive
 

Burger King vs McDonald’s: la “guerrilla” dei fast food

La guerra tra le due principali catene di fast food americane, Burger King e McDonald’s, è una storia che va avanti ormai da generazioni, in una lotta a volte senza esclusione di colpi.

 

Solo quest’anno sono già stati ben due gli affondi da parte di Burger King, il primo a febbraio, in Europa, il secondo a marzo, in Brasile.

 

La prima stoccata è arrivata subito dopo la decisione dell’Ufficio dell’Unione Europea per la Proprietà Intellettuale-EUIPO di far decadere l’esclusiva relativamente al nome del panino più celebre di McDonald’s, il BigMac. A seguito di questa decisione il nome è divenuto libero e di conseguenza preda di tutti coloro che, in buona o cattiva fede, intendano appropriarsene. I geni del marketing di Burger King non hanno perso tempo e in Svezia hanno rapidamente messo in campo un menu con riferimenti estremamente espliciti al panino della concorrenza:

 

– “Come un Big Mac, ma grande per davvero
– “Il Burger che il BigMac vorrebbe essere
– “Simile a un BigMac, ma più succoso e più saporito

La seconda iniziativa ha invece avuto luogo in Brasile, dove un’app permetteva, tramite la realtà aumentata (il funzionamento di PokemonGo per intenderci), di dare fuoco ai manifesti dei concorrenti che tappezzavano la città, promettendo come premio un Whopper gratis.

 

Quest’iniziativa in particolare è stata estremamente contestata in quanto stimolerebbe ad appiccare incendi. Chiaramente lo scopo era un altro ed ovviamente molto intelligente: farsi pubblicità sfruttando le campagne affissioni (e gli investimenti) della concorrenza!

Insomma, i due casi sopra citati sono due esempi di guerrilla (anche un po’ “spinta”), ma senz’altro interessanti in quanto con poco investimento (ma una grande idea) sfruttano il divertimento e l’aspetto goliardico rendendo inoltre l’utente parte stessa del processo pubblicitario.

 

Il passaparola è lo step immediatamente successivo: la pubblicità è divertente e quindi la racconterò ai miei amici, la condividerò sui social, in questo caso addirittura altri sconosciuti che non l’hanno nemmeno provata direttamente (come noi) ne parleranno…

 

La guerrilla è uno strumento estremamente interessante e molto intelligente di fare pubblicità, a volte anche con poco budget… Ti interessa saperne di più? Contattaci per valutare insieme le potenzialità!

Contattaci
Davide Paci
[email protected]

Digital Strategist e Web Consultant, scarso ma appassionato giocatore di tennis e biliardo, eterno ottimista.